giovedì 13 ottobre 2016

[PILLOLA DEL GIORNO DOPO] Indabox per chi compra giochi su internet

Destinatario assente al primo passaggio.
[MA SE ERO A CASA IN MUTUA!!!]

Destinatario assente al secondo passagio.
[MA ALLORA COSA L'HO SCRITTO A FARE IL MIO NUMERO DI CELLULARE SE TANTO POI NON MI CHIAMATE??!?!]

Pacco in giacenza. Il pacco potrà essere ritirato in [ORARIO LAVORATIVO] presso l'ufficio postale in via [PIENO CENTRO] angolo [ZONA A TRAFFICO LIMITATO], provincia di [NON C'E' PARCHEGGIO].

Non so a quanti di voi è capitato, di trovare fogliettini di avvenuto passaggio del corriere incollati sul proprio citofono, e poi di rincorrere il proprio pacco fra un ufficio postale all'altro.

Lo scorso natale l'amico abruzzese col quale tutte le estati cerco di uccidermi con cacio fritto e rostelle, mi ha spedito un paio di barattoli di ventricina teramana. Il pacco celere sarebbe dovuto arrivare il giorno dopo la spedizione, e invece dopo un emblematico fogliettino "Destinatario assente al secondo passaggio" più bugiardo della nipote di Mubarak, si è perso in un limbo di uffici postali fantasma e hub di smistamento sconsacrati per 9 lunghi giorni.

Non avendo servizio di portineria nel mio palazzo e lavorando sia io che mia moglie, è sempre un po' macchinoso per me comprare su internet, intendo farmi arrivare i pacchi a casa, mi tocca sempre chiedere ad amici e parenti.
E' un problema noto e condiviso, tanto che ad esempio Amazon ha fatto un accordo con Giunti Editore, e da un annetto è possibile comprare su Amazon e far arrivare il pacco nelle librerie Giunti [http://www.webnews.it/2015/11/18/amazon-librerie-giunti/]
La realtà è che al netto dei piccoli negozietti che comunque continuiamo a frequentare, oggettivamente compriamo e compreremo sempre di più su internet, e che quindi bisogna attrezzarsi per semplificarsi la vita.
Per quanto mi riguarda, intensificando ulteriormente i miei acquisti online dopo l'accordo con Magic Merchant, ho cercato un servizio di ritiro pacchi, ed ho trovato Indabox.
Lo sponsorizzo volentieri perchè:
1-l'ho provato di persona e funziona
2-so che ci sono altri giocatori con le mie stesse difficoltà a farsi arrivare a casa pacchi e, nello specifico, giochi comprati su internet.

Indabox è un servizio ritiro pacchi attivo in tutta Italia che sfrutta la rete dei bar.
I bar sono aperti con orario continuato dalle 7.00 del mattino alle 22.00 di sera [gli orari naturalmente possono variare a seconda dell'esercizio] sono per loro stessa natura sempre presidiati da qualcuno che possa ritirare il pacco, e chiudono abbastanza tardi per permettermi di passare a ritirare il pacco nella stessa giornata in cui è arrivato una volta uscito dall'ufficio.
Il funzionamento è descritto in questo video -> https://www.youtube.com/watch?v=p0Wc2yQVvz4
Il servizio costa 2.70€ a pacco [comprando il carnet di 10 crediti], che okay non sono pochi ma almeno non rompo le palle al prossimo [e i corrieri sono dei cecchini per riuscire a beccare il momento esatto in cui mia mamma è scesa solo 5 minuti per comprare il pane]
La prima spedizione è completamente gratuita quindi vi invito a provarlo senza impegno.
I punti di ritiro in Italia sono più di 3000 e la rete è in continua espansione.
E' compatibile con qualsiasi tipo di acquisto e negozio online, non è vincolato ai giochi.
Funziona bene: appena il pacco arriva al bar, arriva l'sms sul cellulare e la notifica via mail.
Per quel che mi riguarda una ottima soluzione.

7 commenti:

  1. Personalmente chiedo sempre il fermo deposito e vado a ritirare a mano dal corriere. La maggior parte dei magazzini di corrieri (ad esclusione di Bartolini) fa orari 8-20 senza pause e, per loro stessa natura da magazzini, hanno ampio spazio di parcheggio. Quindi si può sempre andarlo a ritirare comodamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è possibile solo se il magazzino non è a 20 km di distanza :P

      Elimina
    2. eggià, anche nel mio caso i magazzini dei corrieri sono ammassati in un polo industriale a una 30ina di km

      Elimina
  2. Per Par Condicio segnalo anche altri due servizi analoghi (reti di negozi/attività che ritirano pacchi per conto terzi): fermopoint.it e ioritiro.it
    ...personalmente mi faccio spedire tutto in ufficio direttamente, comunque. O da mia moglie. Della privacy me ne sbatto allegramente :)

    RispondiElimina
  3. io mi faccio spedire ... sul lavoro.
    Funziona :P

    Sapevo anche TnT e DHL avevano improntato un serviziostile fermo deposito in cui pero' il f.mo deo. coincideva con una "robo" fantascientifico in cui digitare il tuo numero di spedizione e ricevere indietro il pacco in maniera automatica.

    RispondiElimina
  4. Me lo segno, che potrebbe tornarmi utile

    RispondiElimina
  5. a me piace un'idea che Amazon sta ventilando... bauli delle auto con un codice di apertura monouso dato al corriere... esci dal lavoro e hai il pacco nel bagagliaio senza sbatti per nessuno

    RispondiElimina